Roy Paci & Aretuska

22 dicembre 2017 Ore 22:00 | I Candelai (PALERMO)

€ 16,50 - Acquista

€ 15,00 + € 1,50 diritti di prevendita

È il lontano 1997 e dalla bedda Sicilia, grazie alla vulcanica mente di Roy Paci, prende le mosse uno dei progetti più solari ed esplosivi della scena musicale italiana: dall’antico nome di Siracusa (Aretusa) nascono gli Aretuska, una band dal repertorio strumentale composto da cover di gruppi storici della scena ska e rocksteady (Toots & The Maytals, Skatalites) affiancate ai più conosciuti standard jazz. Il gruppo riscuote consensi e nel maggio del 2000 entra in studio per registrare il primo album, "Baciamo Le Mani" (ViceVersa/ExtraLabel - 2001), potentissima fusione di rocksteady, ska, soul, funk e melodie mediterranee, impreziosita dalle voci di artisti come Bunna degli Africa Unite, Meg e Dani dei Macaco. Parallelamente il repertorio live si arricchisce di nuove sonorità che scaturiscono dall'esigenza di rivitalizzare la tradizione musicale siciliana. Altra grande novità è il debutto di Roy come crooner, un'innovazione che caratterizzerà il futuro della band.

Dopo innumerevoli concerti in tutta l’Isola arriva il momento di esportare il rocksteady siciliano fuori dai confini regionali: gli Aretuska si fanno conoscere a livello nazionale e internazionale suonando nei principali festival europei. Seguono diverse partecipazioni a programmi televisivi prime time, come "Stasera pago io" con Fiorello (Rai 1).

Nel 2003 è proprio Etnagigante, etichetta discografica che Roy ha nel frattempo fondato, a produrre il secondo album “Tuttapposto” (Etnagigante /V2), che spazia tra ritmi calypso, rocksteady, swing e caraibici, canzoni nuove e riarrangiamenti di classici della tradizione siciliana. Altro disco, altro lungo tour nei principali paesi europei. “Cantu siciliano” prima e “Yettaboom” poi si fanno apprezzare come singoli. Nello stesso anno esce anche una cover, “Besame mucho”, per il film di Leonardo Pieraccioni “Il paradiso all’improvviso”.

Ancora concerti, tanti e ovunque, fino a quando, alla fine del 2004, si torna in sala, dove tutto è pronto per registrare il nuovo album. Roy e gli Aretuska si esibiscono anche nel programma tv “Markette” di Piero Chiambretti, in onda su La7. A fine marzo 2005 esce “Parola D’Onore”, terza parte dell’ideale Trinacria musicale del gruppo. Un album “superreggaestereomambo” che mostra sempre più chiaramente le influenze di tanto girovagare per il globo: tra gli altri, apportano suoni e parole, Diego Cugia e Frank Dellé dei tedeschi Seeed. La release è accolta con entusiasmo da critica e pubblico, che affolla le numerose date live in club, piazze e festival. Vale la pena ricordare la prima apparizione di Roy Paci & Aretuska in Inghilterra, al Womad Reading Festival. Il gruppo partecipa inoltre come ospite alla trasmissione “Quelli che… il calcio” e, a dicembre, a Tilburg in Olanda, vince la prima edizione dell'European Sound Clash.

Il 2006 inizia nel migliore dei modi, Roy Paci & Aretuska entrano come band ufficiale nel cast della trasmissione "Zelig", in onda su Canale 5, di cui Roy Paci è anche direttore musicale. Il brano "Viva La Vida", singolo tratto dall'ultimo album, diventa la sigla del programma. Gli Aretuska si esibiscono in Italia e all’estero: da segnalare il grande successo a Territorios Sevilla in Spagna, al Sziget Festival in Ungheria e al Fiesta Mundial in Belgio.

Poi, nel giugno 2007, dopo tre album, Roy Paci & Aretuska ultimano “SUONOGLOBAL”, un disco in cui Roy raccoglie quanto seminato negli anni in qualità di trombettista, compositore e arrangiatore. “SuoNoGlobal” è disco d'oro e vanta cinque duetti (la trascinante “Toda Joia Toda Beleza” con Manu Chao, “È Meglio La Vecchiaia” con Erriquez della Bandabardò, “Giramundo” con Pau dei Negrita, “Tango Mambo Jambo” con i Cor Veleno, “Siente Ammè” con Raiz) e addirittura una canzone “a tre”, “Mezzogiorno di Fuoco”, che vede la partecipazione di artisti amatissimi: Caparezza e i Sud Sound System. L’album professa la sua missione fin dal titolo: fondere suoni, idiomi, mondi e musicalità differenti. Il suono non ha nazione né religione, è NO Global. Il singolo “Toda Joia Toda Beleza”, cantato in una sorta di “itañol” nel quale la grammatica spagnola è volutamente storpiata e adattata all’italiano e alla musica per prediligere la sonorità rispetto alla struttura linguistica, diventa la colonna sonora dell’estate 2007 e spalanca a Roy e compagni le porte della grande notorietà. Segue un trionfale tour in Italia e all’estero. Il gruppo apre il Festivalbar all’Arena di Verona ed è di nuovo protagonista come resident band nella trasmissione “Zelig”. Il brano “Toda Joia Toda Beleza” diventa la sigla del programma, e viene scelto come colonna sonora del film di Natale di Chiristian De Sica “Natale In Crociera”.

L’estate 2008 vede la band di nuovo on the road per un lunghissimo tour di oltre 70 date in Italia e nel mondo, che tocca i principali Festival europei. La band si esibisce anche al Blue Frog Festival di Mumbay. Subito dopo la fine del tour, Roy Paci & Aretuska festeggiano i loro primi dieci anni di attività con l’uscita del “BESTiario Siciliano”, raccolta dei maggiori successi del gruppo più tre inediti. Il cofanetto contiene anche un dvd con tutti i video, il backstage del tour mondiale e alcuni brani live.

A inizio 2009, Roy e i suoi Aretuska si trasferiscono in Brasile per un lungo soggiorno mirato a gettare le basi del nuovo lavoro discografico che si conclude con un live sull'isola di Morro de São Paulo. L’affetto crescente del pubblico chiede alla band di portare avanti l’attività live: da maggio a settembre Roy Paci & Aretuska continuano a surriscaldare le piazze con un tour (il Global Warming Tour) di oltre 50 date tra Italia ed estero. In autunno la band approda negli USA per un mini tour a New York e nel New Jersey. Al ritorno è giunta finalmente l’ora di chiudersi in studio di registrazione e concludere il lavoro sul disco in uscita, di cui Roy Paci cura anche la produzione artistica. Il nuovo attesissimo album si intitola “Latinista” ed esce il 4 maggio 2010, anticipato dal singolo “Bonjour Bahia”, dal 16 aprile nelle radio italiane. Una release che ancora una volta saprà trasportare il pubblico nel fantasmagorico mondo di Roy Paci & Aretuska e che preparerà il terreno per un’esperienza live tra le più coinvolgenti della scena musicale nazionale e internazionale.

Gli anni successivi sono segnati da un’intensa attività live e dall’uscita di due singoli: “Fino alla fine del mondo” (Etnagigante - 2012) con la partecipazione di Clementino, un conto alla rovescia fino al 21 dicembre, la data che secondo la profezia dei Maya segnerebbe la fine del mondo, un modo ironico di esorcizzare questa cupa previsione; “Italians Do It Better” (Etnagigante - 2014) con la partecipazione di Saturnino e Dr. Ring Ding, una riflessione sul periodo di crisi che il paese sta affrontando e sugli aspetti positivi dell’Italia che, nonostante tutto, non andrebbero mai dimenticati. Roy Paci e gli Aretuska continuano a portare sul palco, oltre ai brani più recenti, il repertorio storico rivisitato. Il sound viene rinnovato e impreziosito grazie all'introduzione dell'elettronica, a consolidare la potenza sempre espressa durante i live. Pochissimi gruppi italiani possono vantare tour così articolati e capillari e performance che riscuotono, non solo negli aficionados, sempre grandi entusiasmi.



ISTRUZIONI TICKET ONLINE

Stampa la ricevuta con il codice a barre che riceverai via e-mail al termine dell'acquisto e presentala al botteghino dell'evento.

Media

Condividi questo evento

Altri eventi nella stessa location